Leo Jenny, da Haiti all’Italia per un intervento chirurgico salvavita.  

16 luglio 2014 — Si è concluso con successo l’intervento di ricostruzione al quale è stata sottoposta la piccola Jenny, 9 anni, rimasta gravemente lesa al bacino (con conseguente menomazione degli organi interni urogenitali) durante il terremoto di Haiti del gennaio 2010, nel quale purtroppo ha anche perso il papà.
L’intervento è stato effettuato la scorsa settimana all’Ospedale Santa Maria degli Angeli a Pordenone dai Dott. Waifro Rigamonti, direttore della chirurgia pediatrica Burlo Garofolo a Trieste e Antonio Garbeglio, direttore dell’ Urologia Azienda Ospedaliera Santa Maria degli Angeli a Pordenone.
La piccola Jenny è arrivata in Italia da Haiti a metà giugno. Dal 2010 la bambina era costretta a vivere attaccata a un catetere con tutte le conseguenze di perdita di autonomia e esposizione a infezioni e patologie, a maggior ragione vivendo in una situazione di miseria in una baracca.
Proprio per tutti questi gravi problemi medici non è mai andata a scuola soffrendo anche una situazione di isolamento. In assenza di strutture sanitarie adeguate in Haiti ha peregrinato alla ricerca di chi la potesse aiutare, finchè è approdata all’Ospedale pediatrico St. Damien, unico pediatrico in Haiti, centro di riferimento dei soccorsi internazionali nell’emergenza terremoto del 2010, dove è stata visitata dal dott. Roberto Dall’Amico, nostro volontario da anni, che si è offerto di accoglierla presso l’Ospedale Santa Maria degli Angeli di Pordenone, dove è primario pediatra. Per mesi abbiamo lavorato per ottenere i documenti e visti necessari per il suo viaggio e finalmente Jenny è arrivata in Italia.

Se puoi aiuta JennyClicca qui e dona subito con causale: un aiuto per Jenny

Mariachiara, vicepresidente della Fondazione, con Jenny e sua mamma all’Ospedale di Pordenone.

Jenny è stata accolta con affetto da tutto il reparto ed il meraviglioso staff del dott. Dall’Amico, e dalla rete di volontari e padrini che hanno subito risposto al nostro appello.

Chi di noi è andata a trovarla è rimasto colpita dall’intelligenza di questa bambina e dalla sua vitalità e dolcezza, nonostante sia nata in una baracca e colpita così gravemente dal terremoto.

Jenny con il Dott. Roberto Dall’Amico, primario dell’Ospedale Santa Maria degli Angeli di Pordenone e la caposala, Anna.
Emanuela Ambreck, responsabile dei progetti medici per la Fondazione Francesca Rava, ha accolto Jenny e sua mamma nella sua famiglia.
20140704_104301 IMG-20140704-WA0002
foto 1 (4)
Grazie di cuore a chi ci ha aiutato a portare Jenny in Italia e a chi vuole continuare ad aiutarla: se potete, aiutateci a realizzare questo nuovo progetto di rinascita, contribuendo con una vostra donazione anche piccola o dedicando un po’ di tempo a Jenny che rimarrà in Italia fino a fine agosto.  La bambina e la sua mamma vivono questo momento con speranza, ma anche, come è normale, con tanta apprensione: la vostra visita sarà sicuramente di conforto e aiuto.
2014-07-01 16.20.36

P1010632

20140720_165303 - Copia

foto 2 (4)

P1040374image (2)foto 3 (1)foto 4P1010631foto 1 (1)

Questo è il bellissimo messaggio di ringraziamento da parte di Cherline per tutti coloro che stanno aiutando sua figlia Jenny:

È incredibile il dono e la fortuna che mia figlia ha avuto. Le mie preghiere si stanno avverando; nel 2010, dopo il terremoto, ho avuto la fortuna di arrivare all’Ospedale pediatrico NPH St.Damien, dove ho incontrato il dott. Dall’Amico che ha iniziato da allora ad interessarsi al caso di Jenny.

Non ci sono abbastanza parole per ringraziarvi per tutto quello che avete fatto per Jenny e per me: la Fondazione Francesca Rava ci ha accolto con grande affetto, così come tutte le persone che ci sono state vicine lungo tutto il percorso. In questi anni ne ho passate tante ma vedere che ora Jenny sta guarendo è incredibile.

Non tutti potranno avere la fortuna che ho avuto io per mia figlia, chiedo al signore di benedirvi e prego perchè la Fondazione possa continuare a svolgere il suo lavoro.

Prima di arrivare in Italia qualcuno ad Haiti mi ha messo in guardia dicendo che sarei rimasta completamente spaesata, perché le persone non mi avrebbe accolto con affetto. Invece tutto il contrario, ho trovato una famiglia! Non c’è altro da dire, la mia gratitudine è immenso. Non dimenticherò mai questo dono.

Grazie.”

image (4)

Questa è la testimonianza di Barbara, volontaria haitiana da anni in Italia, che si è offerta di aiutare ed assistere Jenny e sua mamma.

“Ieri ho visitato Jenny e Cherline ed entrambe stanno bene. Jenny è incredibile per quanto riguarda la sua capacitá di guarigione.

La vedo molto felice e sorridente, quando mi vede mi da sempre degli abbracci così calorosi! Mamma Cherline è molto felice e piena di gratitudine; tra una visita e l’altra mi ha anche raccontato cosa è successo quel terribile 12 gennaio 2010.

Il giorno del terremoto, un giorno come un altro, Jenny stava tornando da scuola con sua mamma. Lungo la strada si divisero: Cherline tornò a casa, mentre Jenny si fermò a casa di un zio del padre per giocare con un cugino.

Il terremoto cambiò le loro vite: subito dopo la scossa, Cherline, nonostante avesse riportato delle ferite su fronte, schiena e gambe, si precipitò da sua figlia e, con l’aiuto di parenti e vicini, riuscì ad estrarla viva dalle macerie. La bambina era rimasta incastrata sotto dei blocchi di cemento ma fu l’unica a sopravvivere in quella casa.

Jenny inizialmente ricevette poche cure; solo la nonna paterna si occupò di lei ed erano sicuri che a breve sarebbe morta.

Cherline mi ha raccontato la miseria e la fatica sopportati in quei giorni e soprattutto il disinteresse da parte degli ospedali locali per il caso di Jenny. La sua fortuna è stata proprio di arrivare all’Ospedale St. Damien.

Cherline è davvero in gamba, parla abbastanza bene il francese e capisce anche qualche parola in italiano. Ieri ho avuto l’occasione di incontrare le altre volontarie che la stanno aiutando e ho visto quanto affetto nutrono per Jenny e sua mamma e vice versa. Si trovano molto bene qui, ovviamente sentono la mancanza della loro famiglia ma non sono tristi.”

Barbara

jenny

Per avere maggiori informazioni o dare la vostra disponibilità, scrivete a emanuela.ambreck@nph-italia.org oppure chiamate lo 02.54122917.