2 dicembre, festeggiata in Haiti la Giornata Mondiale della disabilità con i bambini della Casa dei Piccoli Angeli

Port au Prince, 2 dicembre 2011. Scrive Mariavittoria: “Oggi alle 930 a Kay Germaine – la Casa dei piccoli angeli, abbiamo celebrato la Giornata internazionale della disabilità: le centinaia di piccoli pazienti accalcati con le loro mamme hanno celebrato la ricorrenza con una festa della quale i bambini stessi sono stati protagonisiti salendo uno a uno sul palco per piccoli spettacoli, danze, canzoni, al ritmo dei tamburi suonati dai ragazzi piu grandi dell’Orfanotrofio NPH di Kenscoff.
E’ stata una gioia immensa ma anche una commozione profonda, nel vedere la dignita incredibile di tante mamme con problemi enormi, senza casa senza danaro, con figli paralizzati o gravemente disabili, vestirsi con i migliori abiti e essere fiere di essere parte di questa festa.
Abbiamo ricordato e ringraziato Cilla, e i bambini hanno disegnato per lei un grande striscione colorato che abbiamo appeso vicino al palco”.

La Casa dei Piccoli Angeli è il centro costruito su progetto italiano, equipaggiato con attrezzature dall’Italia, inaugurato nel dicembre 2008 per dare scuola, fisioterapia, assistenza, un pasto caldo ai bambini con problemi di disabilità. Nell’emergenza terremoto del 2010, presso la Casa dei Piccoli Angeli è stata aperta grazie al lavoro di tecnici volontari della Fondazione un’officina delle protesi che ha permesso a centinaia di bambini amputati dalle macerie di tornare a camminare, e tuttora produce protesi e ortesi, per bambini e  adulti colpiti da malattie e traumi. Il progetto protesi ha ricevuto molto sostegno dall’Italia in particolare da “Cilla per Haiti” in ricordo di Cilla scomparsa nel terremoto e che molto amava i bambini di Haiti per i quali lavorava presso le UN.

2 thoughts on “2 dicembre, festeggiata in Haiti la Giornata Mondiale della disabilità con i bambini della Casa dei Piccoli Angeli

  1. mi chiamo francesco e sono un infermiere e tecnico di cardiochirurgia vorrei sapere come far parte del team per infermieri ad haiti

I commenti sono chiusi.