Paola Turci, il mio sì per la vita, ad Haiti

Paola Turci si è sposata il 2 luglio in Haiti con il giornalista Andrea Amato presso la cappella dell’ospedale N.P.H. Saint Damien, con una semplicissima ma altrettanto intensa cerimonia celebrata da Padre Rick. Presenti la presenza della sorella Francesca, nostra volontaria, i medici, gli infermieri e gli altri volontari italiani della Fondazione presenti al momento al Saint Damien, una rappresentanza dei Carabinieri in forza alle NU nel compound accanto all’ospedale e le due bambine adottate a distanza provenienti dall’orfanotrofio N.P.H. di kenscoff, di cui Paola è madrina da anni.

“Andrea e io avevamo già deciso di sposarci ad Haiti ma dopo il terremoto il nostro desiderio è diventato più forte: per celebrare la vita e l’amore in un luogo dove apparentemente vita e amore sembrano spazzati via” sono le parole del servizio di Vanity Fair dedicato a questa emozionante e significativa scelta.

Paola era già stata in Haiti anni fa con altri volontari della Fondazione, in un viaggio umanitario che l’aveva portata anche a tenere un concerto negli slums di Port au Prince, a Cité Soleil, per portare la gioia della musica a centinaia di bambini che nella loro vita conoscono solo fango, baracche, violenza e fame.

Tutto è stato speciale in questo matrimonio, anche il banchetto, che Paola e Andrea hanno voluto trasformare in un pranzo per i poveri a Place St Pierre a Petionville, dove Padre Rick con i suoi ragazzi hanno organizzato attività scolastiche e distribuzione di cibo ogni giorno per 174 bambini di strada, nell’ambito dei programmi di assistenza a migliaia di bambini delle tendopoli.

Paola e Andrea nei giorni precedenti e successivi al matrimonio hanno partecipato anche alle attività di distribuzione alimentare e assistito ai funerali che ogni giovedì Padre Rick organizza per dare degna sepoltura a decine di morti senza nome, abbandonati per le strade o nella morgue dell’ospedale civile.

Leggi l’articolo di Vanity Fair

Leggi l’articolo su Style.it